mercoledì 12 aprile 2017

GDL/READING CHALLENGE: "Una Blogger per Amica" | Aprile: Lo strano caso del Dr. Jekyll e del Sig. Hyde - Discussione Capitoli 1-3


Buongiorno, lettori! Vi do il benvenuto alla prima tappa del GDL riguardante questo libro!

http://thereadingpal.blogspot.it/search/label/una%20blogger%20per%20amica

Questa sfida di lettura ha come titoli quelli presenti nella Rory Gilmore Reading List. Io, Rosaria e Valentina vi abbiamo dato la possibilità di scegliere tra tre titoli per questo mese, e voi avete scelto Lo Strano caso del Dr. Jekyll e del Sig. Hyde di Robert Louis Stevenson!


Essendo questa la prima tappa, non c'è molto da dire nei termini della storia, ma comunque cominciamo a vedere in che direzione stiamo andando.


-Non è facile da descrivere. C'è qualcosa che non

 va, nel suo aspetto; qualcosa di spiacevole, qualcosa di 

senz'altro detestabile.

Attenzione: SPOILER


Fin dal primo capitolo capiamo che non sarà direttamente Jekyll (o Hyde) a parlarci dell'accaduto, ma Utterson. Quest'ultimo ci viene descritto come un legale da volto ruvido, alto, magro. Pur non amando conversare, agli amici risulta amabile. È un personaggio tranquillo ed austero, che non si impiccia negli affari degli altri, ed è disponibile verso gli amici.
Uno di questi amici è Richard Enfield, con cui Utterson fa delle passeggiate domenicali ma, durante queste ultime, i due non parlano affatto, stando invece coi propri pensieri. Durante una di queste passeggiate, i due gentiluomini capitano in una strada tranquilla, con varie botteghe, invitante. Ma ad un certo punto questa bella strada viene interrotta, da un cortile, vicino al quale spicca un edificio rozzo e sinistro in contrasto con quelli che lo precedono.  Qui si trova una porta scolorita e maltenuta.
Enfield indica proprio questa porta e chiede al compagno se l'abbia mai notata, poiché, nella sua memoria, è associata ad una storia piuttosto strana, che racconta all'amico.
Mentre rincasava, alla tre di una mattina d'inverno, Enfield si trovava da solo, in stato inquieto. Ad un tratto, vede due figure. Una era un uomo basso che avanzava a testa china, l'altra era una bimba che correva. I due si scontrarono e ciò che inorridì Enfield fù che l'uomo ignorò la bambina caduta a terra che piangeva e avanzò per la propria strada. Il nostro, allora, lo afferrò e lo portò di nuovo dov'era la bimba. Lo strano uomo rimase totalmente indifferente all'accaduto, salve per una occhiataccia in direzione di Enfield. 
Alcune persone, ovvero i famigliari della bambina, accorsero. E tutti presero in odio quello strano uomo. Ma ciò che stupì Enfiled fu la reazione del medico che la bambina era andata a chiamare. Sì, perché, pur essendo un uomo molto piatto, ebbe la stessa reazione degli altri. Impallidì e tremò dalla voglia di uccidere lo strano uomo.
Minacciandolo di scandalo, i famigliari della bambina portarono lo strano uomo a decidere di pagare una ingente somma pur di avere il loro silenzio. 
Quest'uomo disgustoso, di cui ancora non sappiamo il nome, entrò da quella porta che Enfield aveva indicato a Utterson e ne uscì con un assegno firmato da una persona molto rispettabile e conosciuta da entrambi. Pur dubbioso, Enfield si trovò a confermare che l'assegno era legale e non un falso.
Utterson, finita la storia, chiede all'amico se ne sa qualcosa di più, ma Enfield gli dice che non ha fatto domande a nessuno riguardo allo strano uomo. Però ha indagato sull'edificio, che non sembra propriamente una casa. E da quella strana porta esce soltanto, qualche volta, l'uomo disgustoso della storia, che scopriamo si chiama Hyde, e che Enfield non riesce a descrivere in quanto è tutto l'insieme ad essere spiacevole e detestabile, non una singola cosa.
Nel secondo capitolo scopriamo che Utterson ha riconosciuto il nome, in quanto Hyde compare come unico beneficiario nel testamento del Dr. Jekyll, amico di Utterson. Quest'ultimo cerca di indagare sul conto di Hyde, andando anche a casa di Lanyon, un amico sia suo che di Jekyll, ma non scopre assolutamente nulla riguardo al misterioso signor Hyde.
Avvilito, Utterson decide di tornare alla porta per cercare di scoprire di più di tutta questa faccenda: crede infatti che Hyde stia ricattando il suo amico Jekyll. Utterson riesce a parlare con Hyde, che gli da il suo indirizzo a Soho, quartiere poco raccomandabile, ma la conversazione finisce bruscamente. 
Utterson allora va a casa di Jekyll, ma non lo trova a casa. Chiede a Poole, il maggiordomo, se sa qualcosa riguardo ad Hyde, ma l'uomo sa poco o nulla.
Nel terzo capitolo sono passate due settimane e Utterson è invitato a casa di Jekyll. Rimane anche dopo che tutti gli altri invitati sono andati via e cerca di parlare con l'amico di Hyde... Però Jekyll sembra restio all'argomento, e dice ad Utterson che, seppur non gli piace Hyde, deve assicurarsi che quest'ultimo sia protetto legalmente e le cose vadano secondo al testamento. Pur non essendo d'accordo, Utterson accetta e i due concordano sul fatto di non parlarne più.

Questi gli avvenimenti dei primi tre capitoli. Ho letto questo libro tempo fa e, sorpresa sorpresa, non mi aveva entusiasmato. Per ora trovo tutto solo molto strano e vedremo come andrà a finire, ma posso dirvi che la storia è molto più profonda e particolare di quello che sembra.


Voi cosa ne pensate? Vi sta piacendo il romanzo? C'è un elemento che vi ha colpito particolarmente? Lo avevate letto in precedenza e, se sì, la vostra opinione è cambiata?


Gruppo di Lettura: "Lo strano caso del Dr. Jekyll e Mr. Hide"


12 aprile: discussione capitoli 1-3 su The Reading Pal
19 aprile: discussione capitoli 4-7 su Niente di Personale
26 aprile: discussione capitoli 8-10 su Universi Incantati
27 aprile: recensione in tutti i blog (anche nei vostri, se volete! + estrazione giveaway

12 commenti:

  1. Uu sono la prima a scrivere.. Questo libro lo avevo letto tempo fa ma mi sta facendo piacere rileggerlo. È un libro che scorre nella lettura,a differenza di altri. Comunque,come dicevi,all'inizio è tutto molto strano ma una cosa mi ha colpita particolarmente ossia il modo in cui viene poi descritto Hyde "Ha un qualcosa del troglodita.. // trasparire e trasfigurare." Punto fondamentale anche è come Jekyll mostra di essere in una posizione di controllo: ha scritto un testamento assicurando Hyde e tutelandolo in caso dovesse succedergli qualcosa,ciononostante dice "quando lo vorrò,riuscirò a liberarmi di Hyde" ribadendo quindi la sua posizione di controllo..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto, fanno fatica a descriverlo, ma c'è qualcosa in lui che turba, e non si comprende cosa. E' come un avvertimento.
      Jekyll sembra in controllo, ma lo sarà davvero?

      Elimina
  2. Ciao! Ho letto finalmente il terzo capitolo, anche se pensavo fosse più corposo in realtà..leggendo in e-book non riesco mai a capire la lunghezza di ogni parte! ç_ç
    Ad ogni modo, mi ha stupito il fatto che sia raccontato in terza persona, o almeno che sia il punto di vista di un personaggio che non è il dottor Jekyll..!
    Mi piace come scorre e il fatto che non è come mi aspettavo, o meglio, ci si avvicina al cuore della storia piano piano, senza essere catapultati nei fatti che tutti bene o male conoscono..adoro essere sorpresa da un libro quindi per ora la lettura procede alla grande! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mah, il terzo è minuscolo ahahah
      Sì, anche a me non pareva tra le alternative possibli. Forse se il narratore fosse stato Jekyll avremmo avuto qualcosa di diverso.
      Bene :D

      Elimina
  3. Io ho finito anche quasi i miei capitoli... sì Jekyll sembra molto controllato. Addirittura nel testamento tutela colui che potrebbe fargli del male, colui che in qualche modo appare e rappresenta la parte peggiore degli uomini.

    Conoscendo la storia a grandi linee ma senza averla mai letta è stata una sorpresa conoscere i due uomini che son sicura ci riserveranno ancora sorprese!

    RispondiElimina
  4. per me è una rilettura e devo dire che lo trovo sempre affascinante. Mi è sempre piaciuta molto la storia di queste due entità presenti in un unica' persona. mi piace anche il fatto che Hyde non sia descritto e spetti a noi immaginarlo. l'atmosfera cupa poi è proprio pane per i miei denti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, c'è questo confronto tra due aspetti della stessa persona che è molto interessante!

      Elimina
  5. Ciao!! A me è una storia che ha da sempre incuriosito, a partire dal tema alla base del romanzo, ma non lo avevo mai letto! In genere, non sono un'amante delle descrizioni, ma sto amando quelle di questo libro, soprattutto riguardo le ambientazioni! I capitoli brevi aiutano molto nella lettura ma sicuramente quello che incuriosisce è il mistero intorno a queste due figure, sono curiosa di scoprire se e come verrà fuori la verità

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le descrizioni, in questo tipo di romanzi, soprattutto quelle dei luoghi, aiutano con l'atmosfera e sono parte integrante della storia ^_^
      Spero che ti piacerà fino alla fine!

      Elimina
  6. Ciao Francy! Eccomi, finalmente!
    Nemmeno io mi aspettavo un libro narrato da una terza persona: pensavo che fosse incentrato esclusivamente su dr. Jekyll e mr. Hyde invece si dimostra, in questo modo, più complesso e misterioso coinvolgendo altri personaggi. Anche a me sono sembrati molto strani questi primi tre capitoli: è tutto appena accennato quando noi sappiamo già il fulcro della storia, o meglio, il "mito"! Mi chiedo come debba essere stato per chi lo ha letto al suo esordio... è difficile esprimere un giudizio in questi primi tre capitoli: sembra che ci sia un'indagine in corso, e non solo per il nostro avvocato ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già, deve essere stato molto diverso per chi lo ha letto per primo!
      Vedremo con gli ultimi capitoli!

      Elimina

lasciate un commento, sono sempre apprezzati!