giovedì 17 agosto 2017

Recensione #128 - Primal Touch


Eccomi con una nuova recensione. Il libro mi è stato dato dalla CE, e mi sembra giusto diverlo, ma la mia recensione è comunque la mia vera opinione.



Titolo: Primal Touch

Autore: Amber Jacobs

Data di pubblicazione: 30 agosto 2017

Editore: Ylva Publishing

N° di pagine: 278

Prezzo: €9,99 (Kindle)

Link per l'acquisto: Amazon


Trama: Rumors of a rare, legendary, white tiger lure acclaimed wildlife photographer Ashley Richards deep into the Indian jungle. There, she crosses paths with a ruthless poacher and Leandra, a mysterious, feral woman with a dark past, who seems at one with the fierce felines she protects. In this charged, exotic, lesbian romance, Ashley is caught up in danger, a deadly vendetta, and the clash of two starkly different worlds. It changes everything she knows.






"Poachers turning up dead in the jungle, ripped to pieces." Taurun
pulled a toothpick from his pocket and chewed it thoughtfully. The look
on his face was the same one Ashley remembered seeing her father
wear when he told ghost stories during family camping trips. "Not just
here, either. Up in the Himalayan mountains, and on the grasslands,
something's hunting them down, then disappearing. It leaves no trace
except the dead."


Ashely è una fotografa, specializzata in animali selvatici. Dovrebbe tornare negli Stati Uniti, ma lei e la sua troupe decidono di rimanare in India perché hanno sentito parlare di una tigre bianca in libertà. La giovane vuole assolutamente fotografarla, tanto da avventurarsi anche da sola, ma non è l'unica a volere qualcosa dalla tigre: un gruppo bracconieri sta dando la caccia all'animale. La tigre bianca però non è l'unica leggenda di questa foresta: qualcosa che i locali credono uno spirito, la "Indian Menace", da la caccia ai bracconieri e li uccide senza pietà.
Ashley la incontra e la loro amicizia si evolve in qualcosa di molto più profondo, tanto da cambiare entrambe le loro vite.


In the jungle, life was only ever a single moment. And if that moment
was right, nothing else mattered.


Sia Ashley che Leandra mia hanno colpita come personaggi. Entrambe le donne sono forti ed uniche alla loro maniera, e sono estremamente differenti.
Ashely è testarda come un mulo, adora il suo lavoro di fotografa e non si lascia intimidire né da Leandra, che comunque è terrificante, né dai bracconieri, a cui cerca di tenere testa in più di un'occasione. Cerca di avvicinarsi a Leandra coem può, un po' alla volta, e adora stare con lei e avventurarsi nei luoghi speciali in cui l'altra donna la porta. Quello che un po' la spaventa sono i suoi sentimenti per lei, che sono così diversi da quelli provati fino a quel momento, ma con il passare del tempo vediamo che si lega sempre di più a Leandra e che si lascia andare.
Leandra è il personaggio più interessante. Non voglio fare spoiler sul suo passato, che è una parte importante della storia, ma posso dire che le difficoltà che ha trovato nella sua vita l'hanno resa sempre più dura e senza cuore, fino a quando non è arrivata in India e qualcosa di estremamente particolare e importante le è accaduto. Da allora ha vissuto nella giungla, proteggendo gli animali dai bracconieri, cercando di adattarsi al territorio e lasciando nel passato la sua umanità in favore di atteggiamenti che la rendono simile ad una tigre. Lei ha più esperienza di Ashley negli affari di sesso con le altre donne, ma non con i sentimenti. La vediamo lottare con quello che prova per la donna più giovane, cercando di tenersi a distanza.
Vediamo la loro relazione evolversi, cambiare. Ci sono dubbi ed incertezza, ma anche un sentimento profondo che le guidano nelle loro azioni.
Loro due sono i personaggi più approfonditi, anche se ce ne sono altri, come Taurun, la Guida, il cui tratto principale è la sua noncuranza per quello che accade ai bracconieri. Tramite lui, ma anche tramite i bracconieri stessi, veniamo catapultati in una situazione che è lontana da quella di tutti i giorni (almeno per me) ma che è comunque reale. Ranger contro bracconieri, e nel mezzo gli animali che diventano le prede di un gioco perverso e inutile. Amber Jacobs esplora questa dinamica, lasciando intravedere anche la vita nelal giungla. Io personalmente ho trovato questo libro diverso ed interessante. Non mi è mai capitato di leggere un libro con questo tipo di storia.
Lo stile di scrittura a tratti è un po' pesantuccio, ma il libro si legge bene e c'è una buona alternanza tra scene d'azione e combattiamento e scene d'amore e di calma.
Nel complesso mi è piaciuto davvero molto, e spero di poter leggere presto qualcos'altro di questa autrice.







Nessun commento:

Posta un commento

lasciate un commento, sono sempre apprezzati!